Sconto 5% Nuovo Cliente!

Per applicare lo sconto devi inserire il codice WELCOME5 nell'apposito spazio della pagina Carrello.
Approfittane! (solo per utenti che effettuano la registrazione).

Garmin Ecoscandaglio + GPS Striker 4 Doppia Frequenza

010-01550-01

Per questo prodotto la spedizione è gratis

Garmin Ecoscandaglio + GPS Striker 4 Doppia Frequenza ... Maggiori dettagli

149,00

Spedizione immediata

Attenzione ultimo pezzo disponibile!

Aggiungi alla lista dei desideri

  • Garanzia ufficiale 24 mesi Garanzia ufficiale 24 mesi
  • Possibilità di pagare in contrassegno (€ 4,90) Possibilità di pagare in contrassegno (€ 4,90)
  • Spedizione gratis per ordini oltre € 120,00 Spedizione gratis per ordini oltre € 120,00

010-01550-01

Garmin Ecoscandaglio + GPS Striker 4 Doppia Frequenza

Garmin Ecoscandaglio + GPS Striker 4 Doppia Frequenza. Ha il gps integrato ma non è un cartografico In pratica tutta la serie denominata Striker sono Ecoscandaglio con la funzione GPS: possono segnare un punto e poi anche riportarvici mentre la serie denominata Echomap può funzionare come plotter cartografico oltre che ecoscandaglio avendo sempre inclusa una cartografia a basso dettaglio ideale per la navigazione ad esempio ha segnati i nomi dei porti e poi successivamente si può acquistare separatamente la cartografia dettagliata specifica per la pesca della zona preferita.

Garmin Striker 4 - Ecoscandaglio Con Gps Integrato - Art. 010-01550-01

Negozio online Sampey vendita ecoscandaglio Garmin garanzia ufficiale italia 2 anni. Prezzo vendita online scontato. Trasduttore di poppa compreso

Ecoscandaglio Garmin STRIKER™ 4 Fishfinder CHIRP con GPS integrato.

010-01550-01

Multilingua tra cui anche italiano

Ecoscandagli con GPS e fishfinder pratici, accessibili e performanti

In matera di ecoscandaglio e fishfinder, Garmin presenta la serie echo™: la migliore combinazione tra praticità, prestazioni e accessibilità presente sul mercato.

Lo Striker 4 è dotato di un display a colori da 3,5 pollici, ed il trasduttore CHIRP a doppia frequenza è incluso nella confezione, dove troverai anche staffe inclinabili per installare il fishfinder a poppa, o anche sul motore elettrico della tua barca.

Lo Striker 4 ha un display orientabile con risoluzione 480 X 320 pixel, riesce a leggere il fondo fino a 300 metri di profondità, e deve essere collegato ad una batteria (anche portatile) da 12 volt.

La schermata è impostabile nelle versioni:

ecoscandaglio

ecoscandaglio e zoom

ecoscandaglio e GPS

GPS – considera però che questo modello non hai il GPS cartografico.

Ecoscandaglio Garmin Striker 4

Striker 4. With Dual-Beam Transducer. Codice Prodotto 010-01550-01

Se devi usare lo Striker 4 sul kayak, tieni conto che le dimensioni sono le seguenti:

larghezza: 9,1 cm

altezza: 15 cm

spessore: 4,1 cm

Lo schermo è regolabile, si aggancia e sgancia dal supporto con un gesto solo, ed è di lettura facilissima anche sotto il sole più forte.

Le unità di misura disponibili sono nel sistema metrico ed imperiale, ma è possibile personalizzarle in base alle proprie abitudini.

Se stai cercando un ecoscandaglio piccolo ed a buon mercato, e la funzione CHIRP è sufficiente per te, allora il Garmin Striker 4 è perfetto.

Ecoscandaglio Garmin Striker 4 Pesca Chirp + Trasduttore + GPS

Recensioni Sampey

Ecoscandaglio, eco, ecometro, fishfinder, depthsounder od echosounder, misura la profondità dell'acqua e visualizza i dettagli del fondo.


L'ecoscandaglio viene anche chiamato eco, ecometro, fishfinder, depthsounder od echosounder, anche se nel gergo nautico i termini più usati sono ecoscandaglio per indicare uno strumento in grado di misurare la sola profondità e fishfinder che sta invece per uno strumento in grado di visualizzare il fondo graficamente e mostrare i pesci.

L'ecoscandaglio invia un impulso ultrasonico verso il fondo che al suo ritorno viene analizzato, per determinare tramite un sofisticato algoritmo la profondità ed i dettagli del fondo.
In questa funzione vengono coinvolti 3 componenti:

    Il trasmettitore, interno all'ecoscandaglio si occupa di inviare un impulso elettrico al trasduttore
    Il trasduttore, riceve l'impulso elettrico e lo tramuta in un'onda ultrasonica che viene inviata verso il fondo e dallo stesso recuperata e rinviata al ricevitore sotto forma di impulso elettrico.
    Il ricevitore, interno all'ecoscandaglio riceve l'impulso elettrico che viene poi elaborato dal software per essere mostrato come immagine.

La fattura di questi 3 componenti è ovviamente fondamentale per determinare la qualità di un ecoscandaglio:

    Il trasmettitore dovrà essere potente ed a basso disturbo
    Il trasduttore dovrà avere una buona cassa di risonanza e sensibile a riascoltare l'eco di ritorno
    Il ricevitore dovrà essere sensibile

Ma non sono solo questi 3 componenti ad essere fondamentali, è infatti opportuno che un buon ecoscandaglio abbia:

    Un algoritmo di analisi e di strutturazione dell'immagine sofisticato
    Un display ampio, luminoso e definito

Nella scelta di un ecoscandaglio, molto importanti sono anche le analisi delle specifiche tecniche, le seguenti quelle più importanti:

    La potenza di trasmissione eco
    La frequenza di trasmissione eco
    Il numero degli elementi del trasduttore ed il loro angolo di trasmissione
    La presenza di filtri antidisturbo

Esistono anche altri dati tecnici importanti, purtroppo quasi mai menzionati dai produttori:

    Sensibilità del ricevitore interno

Le regolazioni

Oggi tutti gli ecoscandagli svolgono ottimamente il proprio lavoro in modalità automatica. In tale modalità l'ecoscandaglio riesce a regolare automaticamente numerosi fattori tra cui la sensibilità (guadagno) e le scale di profondità, ma alcuni regolano anche il ping , la potenza di trasmissione, etc.
Tuttavia i più esperti riescono ad ottenere a volte risultati migliori agendo sulla sensibilità e sulle scale di profondità, specie in condizioni critiche, ovvero laddove l'ecoscandaglio non riesce a rilevare dei parametri attendibili e quindi si "disorienta" mostrando dei dettagli tutt'altro che affidabili.
La visualizzazione del fondale

Le tecniche usate per estrapolare dettagli utili dalle immagini che appaiono sul display, variano a seconda della tipologia dell'ecoscandaglio e della marca. Ad esempio i colori usati per determinare la consistenza di un oggetto, possono variare da una marca all'altra. Quindi è difficile tracciare delle regole generali.
Ma una regola vale per tutti gli ecoscandagli: la lettura effettiva e contemporanea del fondo avviene solo sulla prima colonna di pixel verticale (quella a destra), le altre colonne non sono che una memorizzazione dei dati precedenti. Quindi l'immagine intera del display anche se è destinata ad imitare il fondo, è solo un'immagine che identifica la storia di quanto noi abbiamo rilevato ed è quasi sempre non attinente all'immagine reale del fondo.
Supponiamo ad esempio di fare bolentino con l'imbarcazione all'ancora e di essere sopra l'estremità dell'apice di uno scoglio sommerso, l'ecoscandaglio rileverà un'immagine come se noi fossimo su un fondale piatto, proprio perchè la lettura della prima colonna verticale è sempre medesima (l'imbarcazione è ferma) e le colonne di storico riporteranno sempre la stessa informazione.
Ecoscandaglio scrivente "compatto" degli anni '60


Il primo utilizzo della tecnologia sonar è attribuito a Leonardo da Vinci nel 1490, ma i primi prototipi in grado di misurare il fondo attraverso la tecnologia sonar apparvero dal 1912, quando a seguito dell'affondamento del Titanic ci fu uno sprone generale verso l'uso di nuove tecnologie volte a dare maggiore sicurezza alla navigazione.

E' attribuita ad un gruppo di meteorologi inglesi la costruzione del primo prototipo di ecoscandaglio nel 1912, l'anno dopo anche un gruppo di scienziati tedeschi riuscirono in questo traguardo. Ma il primo in grado di espletare realmente le funzionalità attese fu quello del canadese Reginald Fessenden (da cui prese il nome la sua tecnologia: Fessenden Oscillator) che presentò nel 1915 il prototipo alla marina statunitense.

Una decina di anni dopo Grove Dorsey che aveva anche collaborato con Fessenden, sviluppò il suo primo Fathometer che riusciva a misurare anche fondali di alcune centinaia di metri.

Dal quel momento si susseguirono una serie di prototipi e modelli, ma tutti destinati all'uso militare od agli istituti idrografici.

I primi eco ad uso commerciale si presentarono a fine degli anni '50, ma è solo negli anni sessanta che si iniziarono a diffondere tra i pescherecci.

I primi eco commerciali erano di tipo flasher con delle lampadine circolari che si accendevano a seconda della profondità rilevata. Ma quasi contemporaneamente apparvero i primi ecoscandagli scriventi in grado di dare una percezione del fondo mai raggiunta prima ed avere anche a disposizione lo storico del fondo tracciato su carta.

Fu così che negli anni sessanta ci fu una vera corsa all'ecoscandaglio scrivente da parte di tutte le flotte di pescherecci e la tecnologia fu riconosciuta talmente utile, che in caso di avaria dell'ecoscandaglio (molto frequente per la tecnologia a valvole dell'epoca) l'armatore preferiva attendere il tecnico riparatore che affrontare la battuta di pesca senza l'ausilio di questo strumento.

Nel diporto la tecnologia si iniziò a diffondere solo agli inizi degli anni '80 quando apparvero i primi eco con monitor a tubo catodico. Ma una grande diffusione iniziò solo a partire da fine degli anni '80 quando il mercato iniziò a presentare i primi su schermo LCD monocromatico che rendevano per la prima volta gli ecoscandagli di dimensione compatta.

Gli inizi degli anni '90 segnarono il tentativo di promuovere altre tecnologie, come la forward scanning di Interphase e la visualizzazione 3D.

Prodotti visti

Chatta con noi